La leggenda dei fiori di loto

In primo piano

CopertinaOlimpia Palo, La leggenda dei fiori di loto, Illustrazioni di Thomas Broccaioli, Collana: Leggende e storie del territorio, postfazione di Fabrizio Binacchi, Edizioni Ecogeses, Roma 2024, pp. 62, copertina cartonata, € 15,00

La leggenda dei fiori di loto racconta dell’ambiente dei laghi di Mantova, formati dal fiume Mincio.

Nell’introduzione Italo Bassotto si rivolge ai piccoli lettori cosi.

Caro piccolo amico,
ti scrivo questa letterina per presentarti la splendida leggenda che la Maestra
Olimpia ha scritto per tutti i bambini che vorranno leggerla e commuoversi al suo
racconto. Narra la storia di un grande amore (nella vita, come ormai avrai imparato,
nulla di ciò che la rende felice accade senza un gesto di amore!) tra un ragazzo
di Mantova ed una fanciulla del lontano Oriente e spiega come mai, in nessun
altro posto, ma solo sui laghi di Mantova, ogni estate fioriscono delle meravigliose
ninfee dalle foglie larghe, come i cappelli di paglia dei pescatori del Mincio, e dai
grandi fiori a forma di cuore, colorati di un rosa pallido delicato e gioioso. Certo,
leggendo questo racconto e guardando i bellissimi disegni che lo rappresentano
proverai anche un po’ di dispiacere per il destino crudele che è toccato alla bella
Hasu: assorbita dalle acque del lago e per sempre scomparsa alla vista ed all’affetto
del suo amato Goffredo… Ma subito scoprirai che la giovane non è svanita nel
nulla: anzi, è diventata il fiore del loto, così bello ed attraente che i giovani vengono
a migliaia da tutte le parti del mondo per ammirarli, sentirne il profumo e sognare
un amore grande come quello che ha unito per sempre i due protagonisti della
storia.

Nella postfazione Fabrizio Binacchi, La favola delle Grazie tra magia e mistero; ripercorre i significati della tradizione umana, sociale e religiosa del rapporto tra la leggenda e il Santuario della Beata Vergine Maria delle Grazie dell’atico borgo di Grazie di Curtatone (MN), oggi inserito nel Parco del Mincio, attraverso l’evento che ogni anno, nei giorni di Ferragosto, vede riunirsi sul segrato i Madonnari da tutto il mondo e il ricordo della visita di Giovanni Paolo II.

Il libro si può acquistare presso la Libreria online della Cooperativa

III Edizione del Concorso Letterario “… ci racconti una storia?”

In primo piano

Concorso1La Cooperativa Ecogeses presenta, insieme all’AIMC e al Gruppo di Servizio per la Letteratura Giovanile, la III Edizione del Concorso letterario “… ci racconti una storia?” aperto agli insegnanti di scuola dell’infanzia, primaria e secondaria di I grado e II grado, dirigenti scolastici e dirigenti tecnici. Sono ammessi docenti in servizio a tempo indeterminato, o determinato, come anche docenti e dirigenti in quiescenza; agli educatori degli asili nido; agli educatori impegnati in attività di assistenza educativa ad alunni presso gli istituti scolastici.

Le opere possono essere redatte in forma di racconti, fiabe, favole (illustrati o no), inedite a tema libero in lingua italiana, mai pubblicate in cartaceo o online. Inoltre, le opere non devono: essere state presentate in altri concorsi; essere presentate in concorsi che si svolgono nel periodo dal 1 aprile 2024 alla proclamazione dei vincitori del presente concorso; essere state già premiate in altre manifestazioni.

La scadenza per la presentazione delle opere è prevista per il 20 agosto 2024

Lo scopo del Concorso è quello di valorizzare il genere narrativo come modalità di formazione e di relazione nei processi di crescita umana e culturale delle giovani generazioni in ambito scolastico. Racconti e storie invitano bambine e bambini, ragazze e ragazzi ad aprire il loro animo al mondo immaginario della parola che esorta all’ascolto, alla libertà di esplorare e conoscere il mondo, alla ricerca dei modi migliori per esprimere pensieri, sentimenti e valori che albergano dentro di sé. Non storie per insegnare, ma da leggere, raccontare, ascoltare insieme.

Il Concorso vuole valorizzare il talento di tanti docenti e dirigenti scolastici che nasce all’interno della scuola italiana nelle dinamiche di insegnamento-apprendimento, dando vita a nuove e creative “perle” di letteratura per l’infanzia.

Scarica il Regolamento e modulo di adesione qui

 

L’ECOGESES AL SALONE INTERNAZIONALE DEL LIBRO DI TORINO

In primo piano

logoLa Cooperativa Ecogeses con i suoi libri sarà presente al Salone Internazionale del Libro di Torino 2024 presso lo Stand UELCI – Pad. Oval W05 dal 8 al 13 maggio 2024.

Domenica 12 maggio, alle ore 11.00, presso lo Spazio Agorà dello Stand UELCI – Pad. Oval W05 si terrà la presentazione della Collana “Storie proprio così” con la presenza di Angelo Petrosino, vincitore del Premio Campiello Junior, 2024 e della presidente dell’AIMC Piemonte Cludia Mossina.

Sara Gianotti, leggerà brani del libro “La fiaba triste” di Carlotta Frigerio e la lettera di Bin Romioa, il gatto del deserto, di Carla Barbara Coppi, con accompagnamento musicale di Manuel Victor

Pubblicità_Ok

BUK FESTIVAL DELLA PICCOLA E MEDIA EDITORIA 2024 A MODENA

In primo piano

FB-01-1024x1024La Cooperativa Ecogeses sarà presente al Buk Festival della piccola e media editoria a Modena il 4 e 5 maggio, nel Chiostro San Paolo in Via Fracesco Selmi 67.

Sabato 4 maggio 2024 alle ore 15.30 persso lo SPAZIO PORTICI
verrà presentata “La Fiaba triste” di Carlotta Frigerio Il raccontare storie ai bambini assume uno sguardo particolare se a farlo è un insegnante. La Fiaba Triste è un invito ad avere coraggio nell’aiutare gli altri. L’autrice Carlotta Frigerio dialoga con Graziano Biraghi.

Sarà l’occasione per presentare anche un’altra novità: Bin Romiao, il gatto del deserto di Carla Barbara Coppi un racconto che aiuta ad affrontare con entusiasmo le cose che ti stanno per capitare perché la vita è bella!

Sarà presentata anche la III Edizione del Cocncorso Letterario “… ci racconti una storia?” 2024.

VENITE A VISITARCI, TUTTI SIETE INVITATI.
Scarica programma: http://www.bukfestival.it/programma-buk-modena-2024/