Conoscenza e azioni dell’intelletto. La conversione intellettuale nel primo Lonergan

Copertina foto1Richard M. Liddy, Conoscenza e azioni dell’intelletto. La conversione intellettuale nel primo Lonergan, Edizioni ECOGESES, Roma, pp. 359.

A dieci anni dal primo incontro tra l’Associazione Italiana Maestri Cattolici e Richard M. Liddy al Seminario Nazionale di Abano Terme nel 2008 dove, per la prima volta in Italia, grazie anche alla sollecitazione del Prof. Lucio Guasti dell’Università Cattolica di Piacenza, è stato presentato ai docenti il pensiero di Bernard J. F. Lonergan, viene pubblicata la traduzione del libro “La Luce che trasforma. La conversione intellettuale nel primo Lonergan”.
Il libro si propone di rispondere alla domanda “Che cos’è la conversione intellettuale?”, ripercorrendo il cammino della formazione del pensiero di Lonergan, gesuita canadese, uno dei pensatori cattolici più significativi del ‘900. L’autore invita i lettori a farsi soggetti attivi nella ricerca della personale conversione intellettuale per andare oltre. È così un invito di riflessione rivolto sia agli studiosi del pensiero lonerganiano, sia a chi vive professionalmente la formazione delle giovani generazioni per assumere uno sguardo nuovo verso la consapevolezza dei processi del personale comprendere. Il Prof. Pierpaolo Triani nella Prefazione sottolinea che “il volume si presenta come un’indagine precisa e accurata (come è proprio degli autentici lavori di ricerca) e, congiuntamente, come un percorso affascinante che porta i singoli lettori a scoprire, passo dopo passo, la rilevanza della ‘conversione intellettuale’ non solo per Bernard Lonergan, ma, cosa molto più importante, per se stessi.
Nel pensiero e nelle opere di Lonergan (1904-1984), gesuita canadese, uno dei pensatori cattolici più significativi del ‘900 che ha avuto influenza nei percorsi intellettuali di diversi studiosi e pastori come ad esempio il cardinal C.M Martini, la conversione intellettuale rappresenta, soprattutto negli scritti del suo ultimo periodo, un tema non solo ricorrente bensì centrale. Assieme a quella morale e a quella religiosa, la conversione intellettuale comporta, nel soggetto in cui si compie, un “rovesciamento”1, una trasformazione radicale del proprio orizzonte. Specificatamente si connota come un cambiamento decisivo nel modo di comprendere i processi conoscitivi e la realtà, capace di generare nel dinamismo coscienziale un “nuovo inizio”2  di esperienze, comprensioni, giudizi e scelte.”

Richard Liddy, un sacerdote dell’Archidiocesi di Newark, è stato insegnante e organizzatore nei Seminari e nelle Università nel New Jersey e a Roma. Attualmente è professore nel dipartimento di  studi religiosi della Seton Hall University. Liddy è stato allievo di Bernard Lonergan all’Università Gregoriana di Roma negli anni 1961 e 1962 e ha conseguito il Dottorato in Filosofia in questa Università nel 1970. Ha pubblicato anche studi sul pensiero di John Herry Newman.

E’ possibile richiedere il volume alla Coopertaiva Ecogeses, Clivo di Monte del Gallo 48/50, 00165 Roma – e mail: ecogeses@pec.it (riceve da tutti gli account), oppure on line da: https://www.lafeltrinelli.it/https://www.libreriauniversitaria.it/https://www.ibs.it/

Richard M. Liddy, Conoscenza e azioni dell’intelletto. La conversione intellettuale nel primo Lonergan, Edizioni ECOGESES, Roma, pp. 359, €. 20,00.

Conoscenza e azioni dell’intelletto. La conversione intellettuale nel primo Lonerganultima modifica: 2018-08-18T14:28:15+02:00da ecogeses
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento