Memorandi, da Fenestrelle … a Cefalonia … fino ai giorni nostri

In primo piano

Libro Memorandi copertina FINALE OK-1Cosimo D. Pascarelli, Memorandi, da Fenestrelle … a Cefalonia … fino ai nostri giorni. Memoria – cultura – identità di una comunità del Basso Materano, Ed. Ecogeses, Roma, 2018, p. 340, €. 20,00

 

Il libro, fresco di stampa, presenta una ricerca storica, sociale e antropologica che illustra la vita e le opere di alcune prestigiose personalità: studiosi dell’economia, della  meccanica, della medicina, della politica, del mondo accademico, dello sport, così pure della magistratura, del clero che si sono distinti con vero e sincero orgoglio umano e scientifico, con  passione e il buon esempio.
Inoltre affiorano annotazioni sulle bugie e i falsi della storia e, in particolare, sull’annosa e scandalosa Questione Meridionale, di cui ne viene rigettata l’assurda ed infelice etichetta, che è stata creata di proposito, e che, ancora oggi, purtroppo, fa sentire il peso e il danno di percezione e di immagine di un territorio tra i più belli e ricchi della nostra grande Italia.
Si riconosce di non poter e non dover assolutizzare un certo “status”  nazionale indecoroso dell’attuale epoca storica  ma, con effetto alone, si stigmatizza la lentezza e la distrazione di alcune frange della classe  politica,  per la scarsa operosità e la non puntualità nei confronti dei  problemi che attendono di essere risolti, e portati a buon fine.
Inoltre, viene richiamato, il saccheggio operato al Sud Italia dai “rapaci” piemontesi, soprattutto con la complicità di Giuseppe Garibaldi, apportando danni ingenti, massacro di vite  umane, arretratezza e stagnazione, ossia un immobilismo, una penuria   fino agli anni ‘50.  Ma, dopo tutto, non è mancata la ripresa con il tanto atteso sviluppo economico, culturale e sociale.

Il testo può essere richiesto direttamente alla Cooperativa Ecogeses: ecogeses@pec.it

La parola ai poveri

In primo piano

La parola ai poveriDon Primo Mazzolari, La parola ai poveri, a cura  di Leonardo Sapienza, con testo autografo di Papa Francesco, ed. Dehoniane, Bologna, 2016, p. 139

«Non possiedo niente. La roba non mi ha fatto gola e tanto meno occupato.
Non ho risparmi, se non quel poco che potrà sì o no bastare alle spese dei funerali che desidero semplicissimi, secondo il mio gusto e l’abitudine della mia casa e della mia chiesa.
Non ho niente e sono contento di non avere niente da darvi.
Intorno al mio altare come intorno alla mia casa e al mio lavoro non ci fu mai “suon di denaro”: il poco che è passato nelle mie mani — avrebbe potuto essere molto se ci avessi fatto caso — è andato dove doveva andare. Se potessi avere un rammarico su questo punto, riguarderebbe i miei poveri e le opere della parrocchia che avrei potuto aiutare largamente: ma siccome ovunque ci sono poveri e tutti i poveri sono del Signore…».

Così scriveva don Primo Mazzolari nel suo Testamento. Era nato in una famiglia povera e vissuto sempre tra poveri, a cominciare dagli scopai di Cicognara, dove aveva iniziato il suo ministero sacerdotale.

Apputamenti formativi, Aimc Asti – Aimc Nizza

In primo piano

ComunitàAIMC ASTI

SABATO 9 FEBBRAIO, DALLE  9.00 ALLE 13 – CASTELLO DI CISTERNA D’ASTI
in collaborazione con il Polo Cittattiva per l’Astigiano e l’Albese, la Rete Museale Roero Monferrato, l’Ecomuseo delle Rocche del Roero, l’ISRAT:

“COMUNITA’ RESISTENTI e PEDAGOGIA DELLA RESISTENZA”

CONVEGNO con il Prof. Raffaele Mantegazza (Università di Milano – Bicocca)

GRATUITO CON ISCRIZIONE OBBLIGATORIA

Link al volantino e alla scheda di iscrizione


16-23 FEBBRAIO e 6 APRILE 2019 – dalle 9.00 alle 13.00
OPEN LAB – CENTRO CULTURALE SAN SECONDO VIA CARDUCCI 22, ASTI

STRUMENTI PER LA DIDATTICA INCLUSIVA CON L’AIUTO DEL COMPUTER
(ARAWORD, SIMCAA, EASY DIDA, JCLIC)

con OSCAR PASTRONE

Link al volantino e alla scheda di Iscrizione


AIMC NIZZA

Sabato 12/01/2019 e 19/01/2019 dalle 8,30 alle 12,30
attività laboratoriale: 22 /01/2019 e 6/02/2019 dalle 16,15 alle 19,15
presso Istituto Nostra Signora delle Grazie di Nizza M.to

CAA A SOSTEGNO DELL’INCLUSIONE NELLE PERSONE CON COMPLESSI BISOGNI COMUNICATIVI

FORMATRICI: Dott.ssa Maria Teresa Pozzan – neuropsichiatra infantile
Dott.ssa Simona Ronco – logopedista
Dott.ssa Adriana Totino – logopedista

Link al volantino e alla scheda di iscrizione

Conoscenza e azioni dell’intelletto. La conversione intellettuale nel primo Lonergan

In primo piano

Copertina foto1Richard M. Liddy, Conoscenza e azioni dell’intelletto. La conversione intellettuale nel primo Lonergan, Edizioni ECOGESES, Roma, pp. 359.

A dieci anni dal primo incontro tra l’Associazione Italiana Maestri Cattolici e Richard M. Liddy al Seminario Nazionale di Abano Terme nel 2008 dove, per la prima volta in Italia, grazie anche alla sollecitazione del Prof. Lucio Guasti dell’Università Cattolica di Piacenza, è stato presentato ai docenti il pensiero di Bernard J. F. Lonergan, viene pubblicata la traduzione del libro “La Luce che trasforma. La conversione intellettuale nel primo Lonergan”.
Il libro si propone di rispondere alla domanda “Che cos’è la conversione intellettuale?”, ripercorrendo il cammino della formazione del pensiero di Lonergan, gesuita canadese, uno dei pensatori cattolici più significativi del ‘900. L’autore invita i lettori a farsi soggetti attivi nella ricerca della personale conversione intellettuale per andare oltre. È così un invito di riflessione rivolto sia agli studiosi del pensiero lonerganiano, sia a chi vive professionalmente la formazione delle giovani generazioni per assumere uno sguardo nuovo verso la consapevolezza dei processi del personale comprendere. Il Prof. Pierpaolo Triani nella Prefazione sottolinea che “il volume si presenta come un’indagine Continua a leggere

La didattica mentalista. È così difficile apprendere

ApprendereIl 19 e 20 gennaio 2019 si terrà, presso la Sede del Centro Nazionale AIMC a Roma – Clivo di Monte del Gallo 48, nonché sede della Cooperativa Ecogeses, il Seminario dal titolo: “La didattica mentalista. È così difficile apprendere“.

Il seminario si propone di approfondire gli sviluppi della sperimentazione delle operazioni mentali nella scuola dell’infanzia e primaria avvenuta in alcune scuole della Provincia di Massa Carrara, per avviare una riflessione sui temi della crisi del Neo-cognitivismo, i fondamenti della didattica inclusiva e i limiti della Legge 170/2010, nonché sui significati e le prospettive della pedagogia della mente e della fenomenologia delle operazioni mentali da parte del Prof. Pietro Sacchelli, docente a contratto presso l’Università degli Studi Roma Tre e di Mariangela Angeloni, presidente della sezione AIMC di Massa Carrara.

Si precisa che l’iniziativa rientra nelle attività di formazione, per cui si può usufruire del permesso previsto dal CCNL. Inoltre, si può utilizzare il bonus della Carta del Docente solo per la quota di partecipazione; in tal caso è necessario allegarlo alla scheda di iscrizione del Seminario (entro il 7 gennaio 2019).
L’iniziativa è stata pubblicata su SOFIA con ID 23655, ID EDIZIONE 34498.

Programma del Seminario: 2019 Sem naz La didattica mentalista locandina

Notizie logistiche e scheda di adesione: Sem naz La didattica mentalista Notizie logistiche e Scheda prenotazioni

La conoscenza e i suoi nemici

Conoscenza e nemiciTom Nichols, La conoscenza e i suoi nemici – L’era dell’incompetenza e i rischi per la democrazia, LUISS University Press, Roma, 2018

Recensione di Antonio Rocca

La critica alla società americana (Stati Uniti), per certi aspetti, è spietata: il punto di vista di chi non sa, o sa meno, è considerato allo stesso livello di quello degli esperti.
L’analisi delle cause è ampia, presentata, a volte, in forma prolissa, con riferimenti puntuali, riferiti esclusivamente al contesto statunitense.
Gli ambiti indagati e accusati sono lo sviluppo tecnologico, l’accesso all’informazione, l’uso dei social, l’idea dell’”uno vale uno”, la semplificazione della realtà, il modello universitario e scolastico orientato prevalentemente alla soddisfazione del cliente, la trasformazione dell’industria dei media in una macchina per l’intrattenimento 24 ore su 24 e la spettacolarizzazione della politica.
Secondo l’autore, il prevalere dell’incompetenza sta influenzando le dinamiche democratiche. Gli esperti vengono derisi e definiti elitari, uno dei tanti gruppi che opprimerebbe “noi, la gente”, espressione ormai usata in modo indiscriminato dagli elettori con il significato di “me”. La consulenza degli esperti e qualsiasi tipo di decisione consapevole da parte di chiunque venga percepito dai profani come “élite” – cioè quasi tutti tranne loro – vengono respinte per principio. Nessuna democrazia può andare avanti in questo modo, con il rischio che essa possa finire.
Continua a leggere